Quarto grado- la domenica puntata 21 maggio su Elena Ceste


Anticipazioni sullo spin off di Quarto grado che, questa sera si occupa degli aggiornamenti sul caso di Elena Ceste.

 Torna su Retequattro, l’appuntamento festivo con “Quarto grado-La domenica”. Il programma, spin off di Quarto grado in onda il venerdì, è condotto da Gianluigi Nuzzi nell’access prime-time. Il caso di cui il padrone di casa si occupa nella puntata odierna riguarda Elena Ceste.

Verranno proposti aggiornamenti sulla 37enne scomparsa dalla sua abitazione di Costigliole d’Asti il 24 gennaio 2014 e ritrovata morta nell’ottobre dello stesso anno. Per il delitto, il marito Michele Buoninconti è stato condannato in primo e secondo grado a 30 anni di carcere.

Un matrimonio durato quindici anni e coronato dalla nascita di quattro figli, una casa nell’astigiano, in un paese di poco più di seimila abitanti. Sembra una famiglia serena. Elena è casalinga, si prende cura dei figli e frequenta la messa; il marito è un vigile del fuoco.

Nell’inverno di tre anni fa, della donna si perde ogni traccia: mesi di ricerche fittissime in tutta la zona, ma nessun indizio utile. In un primo momento, Buoninconti sembra avallare l’ipotesi di una fuga volontaria; in seguito, quella del rapimento. Iniziano anche a rincorrersi voci su una “doppia vita” di Elena, che potrebbe aver conosciuto altri uomini sui social.

Finché, il 18 ottobre, il corpo della Ceste viene ritrovato nelle campagne poco distanti dall’abitazione. Sei giorni più tardi, Michele Buoninconti viene iscritto nel registro degli indagati; il 29 gennaio 2015, i Carabinieri lo arrestano con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere.

Nei primi due gradi di giudizio, la condanna per l’uomo è la medesima: 30 anni di carcere, secondo i giudici «Michele è colpevole».

Del caso se ne sono più volte occupati sia Quarto grado che Chi l’ha visto? il programma di Rai3 condotti da Federica Sciarelli. 

{module Pubblicità dentro articolo 3}

Quarto grado- la domenica – a cura di Siria Magri, con ospiti in studio e in collegamento – ripercorre il giallo di Costigliole d’Asti partendo proprio dalle motivazioni della sentenza di secondo grado depositate pochi giorni fa: la corte d’assise d’appello scrive che Buoninconti «è il maggiore accusatore di se stesso» e «ha costantemente depistato le indagini».

La trasmissione domenicale condotta da Gianluigi Nuzzi vuole riportare sotto i riflettori i cold case italiani che ancora non hanno avuto una soluzione e suggerire una ulteriore riflessione che potrebbe essere utile alle indagini.