Tu Sì Que Vales, la terza puntata


Per la terza settimana, Maria De Filippi e i suoi colleghi fronteggiano Antonella Clerici e la giuria di Ti lascio una canzone. Talent contro talent: uno canterino, l’altro nelle discipline più disparate, ma sempre alla ricerca di un talento vero.

Abbiamo seguito questo nuovo appuntamento di Tu Sì Que Vales in diretta.

 Si inizia con l’esibizione di un gruppo di acrobati vestiti in giacca e cravatta: verticalisti per la precisione, caratterizzati da un’alta velocità nell’esecuzione. Naturalmente vanno avanti, ottenendo anche un 98% da parte della giuria popolare.

“Valgono” anche i motociclisti che mostrano le loro evoluzioni fuori dallo studio, anche se uno di loro cade. A smorzare la drammaticità della caduta, provvede un nuovo ingresso dell’attrice comica Stefania De Marchi, che finge di voler sostituire Mara Venier come presidente della giuria popolare.

Il ballerino dionisiacoIl ballerino dionisiaco

Passando da un improbabile ballerino “dionisiaco” dalle movenze strampalate, si arriva alla lirica: Adonà Mamo ha una laringe da soprano. La sua particolarità è una voce femminile. Zerbi gli dice no, perché ha notato alcuni errori.

Rick, arrivato dall’Ohio, coinvolge la De Filippi nel suo numero di magia. Convince tutti giuria popolare compresa. Colpisce anche Jeft, che sorprende con un’esibizione a metà tra comicità e gioco di prestigio.

Adonà MamoAdonà Mamo

Flavius ha messo in rima la storia del rapporto con suo padre assente: il rapper commuove, ma sa anche il fatto suo. Porta a casa quattro si.

“Pistacchio” fa ridere tutti, ma non come vorrebbe lui: il testo del suo pezzo comico è divertente, ma non per l’efficacia del monologo. Dj Franchino entra ammettendo di non essere un esperto della consolle: Zerbi prende anche le bacchette dei colleghi.

Leila KeyLeila Key

Leila Key lascia senza parole: anziché ai classici tessuti aerei, utilizza un telo di plastica trasparente: essendo una variante inventata da lei, spiega poi, ha dovuto studiare molto.

ChantalChantal

Chantal, travestito da New York, stona le prima note di New York New York, poi si riprende. Di origini italiane, parla un italiano maccheronico quando parla con i giudici. Belén però smaschera la messa in scena: al telefono con la produzione, Chantal parlava un italiano perfetto e, addirittura, ha l’audio di una sua performance che lo testimonia. Arriva dunque la spiegazione: siccome ogni volta aveva ottenuto porte in faccia, ha provato con un personaggio costruito e più macchiettistico.

Ciò non toglie che, a prescindere da tutto, abbia cantato bene: va dunque avanti. Scotti aggiunge che nel mondo dello spettacolo c’è chi prende ben altre scorciatoie.

DanieleDaniele

Piace il tip tap veloce di Elisa, di 13 anni. Gli Showproject, atleti alle parallele, mandano in visibilio la De Filippi e la Venier. Daniele colpisce con la sua voce sulle note di Sam Smith.

Le ScemetteLe Scemette

Dopo una carrellata di personaggi improbabili, il gruppo delle Scemette: sette donne che fingono una seduta tra mogli di supereroi.

Lo spettacolo prosegue con un’esibizione singolare: tagliare con un accetta un tronco d’albero e, mano a mano, andando sempre più in alto, salire sulla scure tenendosi in equilibrio. C’è pure la caduta imprevista, fortunatamente senza conseguenze.

DavideDavide

Dopo una sorta di moderni Cugini di Campagna, Davide riarraggiangia Vivaldi al pianoforte. la sua rivisitazione piace all’unanimità.

Omar canta Renato Zero con addosso un costume da ballerina oversize: “é una pippa”, per dirla con Zerbi, però ha un’allegria contagiosa. Non supera il turno.

Alex con il suo pupazzo Bartie ci fa tornare bambini, mentre Andrea Forti, nomen omen, si esibisce alle parallele.

Sale sul palco un ragazzo che milanta di aver inciso un pezzo di successo nelle Filippine: Zerbi gli suggerisce di tornarci, mentre De Filippi e Scotti lodano quantomeno l’ingegno italiano di provarci.

DerginDergin

Dergin, tedesco, ha le stampelle da quando aveva tre anni. E riesce a ballare utilizzandole, inun modo ipnotico che rendono il suo handicap un’opportunità.

I Picone Bothers propongono delle battute in rima piuttosto banali, che però riscuotono il favore del pubblico. Così, mentre Zerbi e la De Filippi sono allibiti, la giuria popolare li salva; grazie al si di Scotti, riescono incredibilmente a continuare nella gara.

Il gruppo dei Jumpin’ Up ci riporta alle atmosfere dello swing, ottenendo addirittura il 100% della giuria popolare. Non va altrettanto bene a massimo, pensionato che si presenta come ballerino e poi, invece, fa il classico ballo della sedia da festa scolastica.

Parere negativo anche per lo skater successivo, palesemente inesperto.

La coppia del Duo Laos porta sul palco un’ammirevole esibizione a corpo libero: lei sinuosissima, lui “leggero” nel nascondere la grande forza. Raccolgono complimenti a iosa.

Il Duo VulcanoIl Duo Vulcano

Chitarra in spalla, la versione del Duo Vulcano di O sole mio piace al pubblico. La De Filippi ne apprezza la “sobrietà”, e quantomeno la coerenza del temperamento col nome che si sono dati.

 La puntata si conclude a mezzanotte, con un riepilogo dei momenti salienti delle performance.



Potrebbe interessarti anche:


0 Replies to “Tu Sì Que Vales, la terza puntata”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*